news

Origine del paddle

Le origini del paddle affondano le proprie radici addirittura nel XIX secolo, ma à solo nella seconda metà  del secolo scorso che questo sport si diffonde nel mondo

Le origini del paddle hanno radici lontane: già nel 1898 l’americano Frank Beal, partendo dal piatto solido che costituisce la racchetta, diede vita al cosiddetto “paddle racquet”.

Anni '60: Enrique Corcuera e il nuovo campo da paddle

Fu però il messicano Enrique Corcuera a regolamentare questa disciplina, rendendo le pareti laterali parte integrante del campo da gioco. Nel 1969, infatti, volendo costruire un terreno da tennis nella sua sfarzosa residenza in Sud America, si accorse che lo spazio a disposizione era inferiore a quello necessario per realizzarne uno regolamentare ed era per di più limitato in alcuni lati da strutture in muratura. Per nulla scoraggiato da questo impedimento, trovò un modo per farne un punto di forza: ideò un’area da gioco nuova, limitata nelle dimensioni rispetto a un campo da tennis, completamente circondata da una opportuna combinazione di pareti in cemento e reti metalliche che impedivano alla palla l’uscita dal campo di gioco. Questa combinazione particolare aveva l’indubbio vantaggio di creare un’area in cui la palla era sempre in movimento. Corcuera definì allora le regole del nuovo gioco e lo chiamò “paddle tennis”.

Anni '70: il paddle sbarca in Spagna e Argentina

Ancora, nel 1974 il signor Corcuera ricevette la visita dell’amico di famiglia Alfonso de Hohenlohe. L’idea del nuovo “paddle tennis” gli piacque talmente tanto che decise di clonarla e importarla in Spagna, costruendo i primi campi di paddle presso il Marbella Club. L’anno successivo, nel 1975, il miliardario Julio Menditequi, contagiato dalla passione per il nuovo gioco da Alfonso de Hohenlohe, importò a sua volta il paddle in Argentina, Paese che sarebbe ben presto diventato uno dei più importanti nella scena internazionale della disciplina, con cinque milioni di giocatori e cinquanta mila campi.

Anni '80: il paddle diventa popolare

Fu però soltanto nel corso degli Ottanta che il paddle si affermò come vero e proprio sport, si diffuse rapidamente anche in altri paesi e divenne popolare. Fino ad allora era infatti considerato come un gioco d’élite. Etichetta che cadde del tutto alla fine del decennio con l’approdo negli Stati Uniti d’America.

Il primo campo da paddle made in USA

Nel 1993 al The Houstonian, un hotel di Houston, venne realizzato il primo campo di paddle nella storia del Paese a stelle e strisce. Sempre nello stesso hanno, in Texas vennero costruiti altri due terreni di gioco in concomitanza con la fondazione della Federazione Nazionale (United States Padel Association, USPA). Fu poi la volta della Florida, dove nacquero due importanti campi a Miami: AB Sport Club ed il Miami Padel.

Anni '90: il paddle conquista l'Italia

Nei primi anni novanta, l’onda lunga del paddle raggiunse anche l’Italia, dove si iniziarono a costruire i primi campi, a partecipare ai tornei internazionali e ad affiancare questa disciplina a quella ben più famosa del tennis.

Per offrirti una migliore esperienza su questo sito utilizziamo cookie tecnici e di profilazione.
Il sito consente anche l‘invio di cookie di terze parti, sia tecnici, analitici che di profilazione.
Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando nella navigazione acconsenti all‘uso dei cookie.
chiudi-menu
seguici su