news

Differenze tra paddle e squash

Le pareti che fanno parte del campo, la battuta dal basso, il palleggio prolungato. Sono molti gli aspetti in comune tra i due sport, cambiano però

Il paddle rappresenta l’ibrido tra tennis e squash e, per questo motivo, possiede caratteristiche comuni con l’uno e l’altro sport.

Ad esempio, considerare le pareti intorno al terreno del gioco come parte integrante del campo è una peculiarità dello squash, disciplina dalle antiche origini, che risalgono al 1830. La battuta dal basso, inoltre, rappresenta un altro punto di incontro tra i due sport, insieme alla leggerezza della pallina.

Ma non finisce qui. Oltre agli aspetti meramente tecnici, anche la filosofia è comune. Come nello squash, anche nel paddle si cerca di prolungare il più possibile il numero di scambi. Lo scopo, infatti, non è quello di vincere a tutti i costi. Si cerca piuttosto di esaltare il gioco e la sua spettacolarità.

Certo non mancano le differenze, come la presenza della rete, elemento che nello squash non trova spazio, e il fatto che si può giocare all’aria aperta.

Per offrirti una migliore esperienza su questo sito utilizziamo cookie tecnici e di profilazione.
Il sito consente anche l‘invio di cookie di terze parti, sia tecnici, analitici che di profilazione.
Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando nella navigazione acconsenti all‘uso dei cookie.
chiudi-menu
seguici su