news

Moyano: “Il padel Master di Miami sará il mio riscatto per i primi posti in classifica“

Dopo l’assenza dai campi di paddle per un grave infortunio, il campione Vibor-A é pronto a scalare la vetta della classifica World Padel Tour. E ammette che l’Italia é pronta al salto di qualitá

Il 24 aprile prenderà il via una delle tappe più importanti e ambite di questa edizione del World Padel Tour: fino al 30 aprile in Florida si svolgerà il Miami Padel Masters, trofeo che fa gola a tutti i campioni WPT. Tra loro ci sarà anche Ramiro Moyano al fianco di Miguel Lamperti.

Dopo la cocente delusione per l’infortunio a fine stagione che l’ha costretto ad abbandonare le Master Final di Madrid (lesione del tendine d’Achille), la stella Vibor-A è pronta a riprendersi sul campo la propria rivincita.

A iniziare proprio dal torneo di Miami dove giocherà in coppia con l’estroso Lamperti. Una scelta obbligata visto che i loro rispettivi compagni di doppio, Juan Martìn Diaz e Juani Mieres, non hanno ancora recuperato dall’infortunio.

Schermata 2017-04-18 alle 10.38.44 copia.jpgGiocatori entrambi di sinistra, spetterà all’argentino più anziano e con più esperienza alle spalle spostarsi sulla parte destra del campo, lasciando a Moyano il compito di far risaltare la potenza, l’aggressività e l’energia del suo stile di gioco.

Come abbiamo già avuto modo di raccontarvi in una precedente intervista all’ex compagno Maxi Gabriel, anche Ramiro punterà quest’anno a salire in classifica e a piazzarsi insieme a Diaz tra le prime quattro coppie del World Padel Tour.

Lo abbiamo incontrato nel backstage durante la presentazione del calendario 2017 del circuito internazionale dedicato ai professionisti del padel che si è svolta al Kinepolis-Ciudad de la Imagen di Madrid a fine marzo. Occhi azzurri, parlantina rapida e concisa, il membro del Vibor-A Team ha fin dalle prime battute espresso il suo entusiasmo per la collaborazione fra il World Padel Tour e la trasmissione sportiva Gol che sta seguendo da vicino tutte le tappe del circuito. “Sono molto soddisfatto di questo accordo: il paddle ha così la ghiotta opportunità di essere seguito da un vasto pubblico ed è un chiaro segno che in Spagna è diventato uno sport molto seguito”, ci racconta al microfono.

taipan.pngPer quanto riguarda il movimento del padel in Italia e la qualità dei suoi rappresentanti, Moyano non ha dubbi: “Ho avuto modo di vedere e incontrare gli italiani in alcune occasioni come i Mondiali di Cascais: il loro livello di gioco sta crescendo grazie anche alla passione che ci mettono. Sono sicuro che nel giro di qualche anno il paddle si imporrà come in Spagna”.

Durante l’intervista abbiamo avuto modo di confrontarci anche sul suo modello preferito di racchetta Vibor-A: “Gioco volentieri con la Taipan perché risponde pienamente a tutte le mie aspettative: è una ‘pala’ potente che permette un gioco particolarmente aggressivo, ma la forma rotonda del piatto ne equilibra il bilanciamento, valorizzando anche l’aspetto della precisione. Nonostante la sua rigidità, le sue caratteristiche conferiscono grande sensibilità sulla pallina”.

Per offrirti una migliore esperienza su questo sito utilizziamo cookie tecnici e di profilazione.
Il sito consente anche l‘invio di cookie di terze parti, sia tecnici, analitici che di profilazione.
Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando nella navigazione acconsenti all‘uso dei cookie.
chiudi-menu
seguici su