news

Il World Padel Tour si infiamma con la vittoria di Navarro-Gutierrez

Alla recente tappa del Sevilla Open brillano anche i giocatori Vibor-A. Nel femminile sempre piú sole al comando le gemelle Alayeto

Le sfide al top si fanno ancora più interessanti per i professionisti del World Padel Tour in questa seconda metà di settembre. Soprattutto per quanto riguarda il ranking maschile, dove la supremazia di Fernando Belasteguin e Pablo Lima è messa a dura prova dal momento d’oro vissuto, fisicamente e mentalmente, da Paquito Navarro e Sanyo Gutierrez. Alla scorsa edizione degli Open a Siviglia i due si sono infatti imposti con un (quasi) agevole 6-4 6-2 ai danni dei veterani e numeri uno al mondo Belasteguin-Lima, rifacendosi delle finali perse poche settimane prima ad Alicante e un anno fa sempre a Siviglia. Un risultato a cui teneva in particolar modo Francisco Navarro, nato 28 anni fa proprio nel capoluogo andaluso.

Paquito-Navarro-Octavos-Sevilla-Open-2017-1100x618.jpgA far pendere l’ago della bilancia a favore dei padroni di casa sono stati una certa tonicità nel palleggio e scelte tattiche adeguate alle varie situazioni di gioco. Una sorpresa per gli increduli Bela e Lima, colpiti da tanta vivacità nel gioco da parte di Navarro e Sanyo a tal punto da faticare nel mantenimento del servizio. Eppure al loro terzo turno di battuta il break è arrivato, consentendo alla coppia numero due al mondo di vincere il primo set.

All’inizio del secondo set Belasteguin e Lima sembrano smarriti, incantati dalle giocate di Sanyo Gutierrez e dalla “voracità” di Paquito Navarro. Per loro portarsi a casa il secondo set è un gioco da ragazzi.

Al Sevilla Open, nel maschile, hanno fatto molto bene i giocatori Vibor-A. 

Ramiro-Moyano-Dieciseisavos-Sevilla-Open-2017-1100x618.jpgLa coppia Maxi Gabriel-Ramiro Moyano approdano ai quarti, fermati dai ritrovati Miguel Lamperti e Juan Mieres. A farne le spese i giovani talenti Alejandro Galàn e Juan Cruz Belluati. Quest’ultimo, giocatore Vibor-A sceso in campo questa volta con la Black Mamba Liquid Edition anziché con la Sword della nuovissima collezione Ares, è sicuramente la rivelazione del World Padel Tour 2017. La pala Ares dalla forma a lacrima – disponibile sul sito Superpaddle - lo ha sempre accompagnato dall’inizio della stagione e, impugnandola, è riuscito a scalare ben 36 posizioni piazzandosi oggi all’undicesimo posto, proprio alle spalle di due veterani come Lamperti e Mieres.

Juan-Cruz-Belluati-Octavos-Sevilla-Open-2017-1100x618.jpgIl gioco compatto di Galan e Belluati e il loro adattamento come coppia sono analizzati con la lente di ingrandimento da tecnici, brand e tifosi. La partita tra Paquito Navarro e Sanyo Gutiérrez allo scorso torneo di Mijas-Costa del Sol, li ha aiutati a fare un passo in avanti e a rompere ogni barriera. Come lui stesso ricorda, "è stato veramente incredibile poter battere il numero due del mondo; la sconfitta nei quarti contro Godo Díaz e Luciano Capra mi ha insegnato parecchio, molto più di tante vittorie ottenute sul campo da padel".

Sul versante femminile continua inarrestabile la marcia delle gemelle atomiche, Mapi e Mayo Sanchez Alayeto. Con Alejandra Salazar fuori dai giochi per infortunio, la sua compagna Marta Marrero sembra aver perso un po’ di lucidità e grinta, vedendo allontanarsi sempre di più la vetta femminile.

Schermata-2017-09-12-alle-17.38.08.jpgPer la terza volta consecutiva le due sorelle si impongono contro la coppia Marrero-Tenorio, scese in campo all’appuntamento andaluso motivate e pronte a ribaltare il pronostico. Nonostante il tentativo di sorprendere le rivali, riuscendo anche a passare in un primo momento 2 a 0, la coppia è costretta a cedere sotto i colpi incessanti delle Alayeto. In due agevoli set si impongono 6-3 6-1.

La domanda che ora si fanno tutti è: la storia femminile di questo circuito 2017 è già segnata, con poche emozioni da regalare? Oppure i giochi sono ancora aperti ed esiste una coppia in grado di contrastare la furia delle invincibili gemelle? Una riposta potrebbe arrivare dalla Salazar e dai suoi tempi di recupero, l’unica a oggi a poter cambiare le sorti. 

Per offrirti una migliore esperienza su questo sito utilizziamo cookie tecnici e di profilazione.
Il sito consente anche l‘invio di cookie di terze parti, sia tecnici, analitici che di profilazione.
Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando nella navigazione acconsenti all‘uso dei cookie.
chiudi-menu
seguici su