news

Roma, è il padel lo sport più amato. Anche dai vip

Sono veri appassionati tanto da organizzare un match quasi tutti i giorni della settimana: nei club romani è ormai impossibile non incontrare persone famose con una racchetta di padel in mano.

Impossibile farne a meno. Si può rinunciare ad aperitivi glamour e cene di gala, ma alla partita di padel con gli amici non si può proprio dire di no. Anche in tempo di Covid. Così, all’indomani dell’ultimo decreto Conte che “salva” i circoli sportivi di Roma dalla chiusura, anche i vip possono tirare un sospiro di sollievo. Nessuna sacca o racchetta da lasciare in cantina.

Ogni occasione è buona per giocare. Lo sanno bene alcuni calciatori che nel giardino di casa hanno fatto costruire un campo da padel che utilizzano per allenarsi e provare a vincere qualche coppa al fianco di ex compagni di squadra. Così i vecchi derby sul manto erboso dell’Olimpico si sono spostati ora sul campo da padel dove giocano abitualmente Marchegiani, Fiore, Favalli, Candela, Totti, Aldair e De Rossi.

C’è poi chi ha fatto della propria passione un secondo lavoro. All’Eur Paddle Club non è raro vedere all’interno della gabbia “giganteggiare” Alex Righetti e Davide Bonora. I due cestisti, argento olimpico ad Atene 2004, fra una seduta d’allenamento e l’altra scappano volentieri al club romano per impugnare la racchetta.

righetti1.JPG

 

Sempre nella spedizione azzurra in Grecia, anche l’iridato Raffaello Leonardo è responsabile dell’Ondina Generali, club molto frequentato da calciatori come Di Biagio, Corradi e Marcolin, allenati da Andrea Serami. L’ex centrocampista non ama mettersi il laccetto della racchetta intorno al polso, che sia un gesto scaramantico?

Anche l’eclettico Max Giusti non è riuscito a resistere al fascino del padel: al Play Pisana, dove è socio, ha contribuito all’installazione di ben cinque campi. Frequentatore del circolo è un altro Max, che ha fatto però della musica la sua vita: Gazzè si diverte ad alternare la terra rossa del tennis al sintetico del padel.

Alberto Tordi, che in televisione ha prestato il volto a tante pubblicità, organizza ogni anno viaggi formativi in Spagna per migliorare il suo gioco. E quest’anno è divenuto anche maestro nazionale Fit. «Maglietta che vince non si cambia», è il suo motto: così, dopo ogni vittoria, corre a casa, la lava e il giorno dopo è pronto per un nuovo match.

tordi.jpeg

 

Fuoriclasse sul piccolo schermo a colpi di share, anche sul campo da padel non scherzano: Amadeus, Paolo Bonolis e Fiorello sanno come incantare il loro pubblico sfoderando i migliori colpi del repertorio. E non è da meno Jimmy Ghione: l’inviato di Striscia la notizia presta la sua racchetta a eventi benefici legati proprio a questo sport.

Anche nel mondo del cinema è scattata la scintilla: per riprendersi dalle fatiche del set Neri Marcorè, Paolo Calabresi e Margherita Buy si rilassano a suon di bandeje e volee.

Fra i giornalisti sportivi sono grandi appassionati Stefano Meloccaro, Massimo Caputi e Pierluigi Pardo. Il conduttore romano ama unire il gioco all’arte che lo ha reso celebre, improvvisando una simpatica telecronaca durante gli scambi.

 

Per offrirti una migliore esperienza su questo sito utilizziamo cookie tecnici e di profilazione.
Il sito consente anche l‘invio di cookie di terze parti, sia tecnici, analitici che di profilazione.
Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando nella navigazione acconsenti all‘uso dei cookie.
chiudi-menu
seguici su