news

Classico o all’australiana? Ora il servizio è anche basco

Dal tennis il padel ha mutuato la stessa tipologia di servizio: classico o all’australiana. In più, da qualche anno, alcune scuole di padel ne insegnano un nuovo tipo: il basco

Nel padel, a differenza del tennis, non esistono solamente due tipologie di servizio. Dal 2014, infatti, un circolo di Vitoria, nei Paesi baschi, ha sperimentato un nuovo modo di battere per sorprendere gli avversari e gettare così le fondamenta per aggiudicarsi il punto.

A chi ha un po’ di dimestichezza con il tennis non sarà sfuggito un particolare: nel doppio molti incontri si decidono anche per la tipologia di servizio che i due compagni vogliono giocare in quel frangente. Un’oculata scelta tattica che si basa principalmente su due modi distinti di servire: classico o all’australiana.

In breve la differenza principale fra i due servizi è: nel primo i due giocatori alterneranno la posizione difendendo sia la sinistra sia la destra; nel secondo, invece, il giocatore difenderà sempre la stessa zona di competenza.

 

Ora il padel ha sì mutuato le due battute dal tennis, ma quattro anni fa il circolo Padeleku, club di padel di Vitoria nei Paesi baschi, ha aperto una terza, innovativa, strada. E il nome “basco” sottolinea proprio la sua origine “nordica”.

 

Più che alle parole, che spesso negli articoli di tecnica o tattica possono risultare più ostiche,  vi suggeriamo di vedere il video qui sotto. Sarà illuminante. 

 

 

Se, dopo aver visto il video, trovaste ancora delle difficoltà nel capire il servizio “basco”, vi invitiamo a contattare i nostri maestri Superpadel che, sul campo, vi sapranno guidare.

Cerchiamo ora di capire insieme quali sono i pro e contro. Certamente dovrete aver raggiunto un livello di affinità molto alta con il compagno. La mancanza di affiatamento – come abbiamo già visto in altre occasioni – e di coordinazione porterà gli avversari a chiudere facilmente il punto oppure, in questo caso, a colpire al corpo il nostro compagno.

Se però siamo sicuri della solidità della coppia e siamo coordinati, allora il basco sarà un’arma micidiale proprio perché imprevedibile. Come avete visto nel video, è il fattore sorpresa a governare il primo scambio. È anche importante che il giocatore a rete dia corrette istruzioni, tramite i segni fatti con la mano, a chi sta servendo. 

Inoltre molti maestri spagnoli la consigliano perché in grado di rompere una certa monotonia in partita, soprattutto quando le coppie si conoscono bene.

 

Per offrirti una migliore esperienza su questo sito utilizziamo cookie tecnici e di profilazione.
Il sito consente anche l‘invio di cookie di terze parti, sia tecnici, analitici che di profilazione.
Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando nella navigazione acconsenti all‘uso dei cookie.
chiudi-menu
seguici su